IMG_4053

Mi piace la tavola ben apparecchiata, con piatti e bicchieri abbinati ai colori della tovaglia.

I like the well-laid table, with plates and glasses matched to the color of the tablecloth.

IMG_4050 IMG_4049

Ho acquistato questa stoffa a fiori qualche mese fa,  mi ricordava la primavera e i suoi colori mi mettevano allegria.

Per i tovaglioli, ho scelto una stoffa a righe,  amo le cose spaiate,  lo sapete.

E’ un cotone molto morbido, ma resistente.

Il giorno in cui l’ho acquistata ho fatto fatto una lunga chiacchierata con il Signor Augusto, il proprietario del negozio di stoffe da cui vado spesso.

Mi diceva che son poche le persone che scelgono un buon cotone per fare una tovaglia, la maggior parte della sua clientela preferisce quelle che lui vende già fatte a 12 euro.

Introduco  questo discorso perché ho letto di recente un bell’articolo sul blog di Sasha – Secondopiano.

C’è un movimento di pensiero che gira sul web, al quale molte blogger di cucito hanno aderito, che parla dell’importanza della qualità di quello che indossi e di consumo consapevole.

Io arrivo tardi, perché la settimana dedicata a questa iniziativa era ad aprile, ma la sposo in pieno.

Da anni cerco di scegliere stoffe di qualità per i capi che realizzo, non solo per quelli che indosso, ma anche quelli che confeziono per casa mia.

Perché mi costa fatica cucire, mi piace, è una cosa di cui non posso fare a meno, ma mi devo ritagliare piccoli scampoli di tempo, perché sono la classica donna che si barcamena fra lavoro famiglia e casa.

Per cui se mi devo ritagliare del tempo per il cucito preferisco farlo per lavorare una stoffa che non fa i “pallini” dopo due lavaggi a 30° in lavatrice e che preferibilmente conserva il suo colore, quella per cui l’ho scelta, dopo ogni lavaggio.

E’ un discorso di qualità, etico, ma anche molto pratico.

I bought this fabric flowers a few months ago, reminded me of the spring and its colors put me happy.

For towels, I chose a striped cloth, I love things mismatched, you know.

It ‘a very soft cotton, but durable.

The day that I bought I had had a long talk with Mr. Augusto, the shop owner of fabrics from which I often go.

I said are few people who choose a good cotton to make a tablecloth, most of its customers prefer what he sells already made to 12 euro.

I introduce this speech because I recently read a nice article on Sasha – secondopiano blog.

There is a movement of thought that runs on the web, which many bloggers have joined sewing, talking about the importance of the quality of what you wear and conscious consumption.

I arrive late, for the week dedicated to this initiative was in April, but the full groom.

For years, I try to choose quality fabrics for the garments that I realize, not just for those who wear it, but also those who sewed for my house.

Because it is hard to sew, I like, it is a thing I can not do without, but I have to cut out little scraps of time, because they are the classic woman who divides her time between work and family home.

So if I have to cut the time for sewing rather I do it to work a cloth that does not make the “shot” after two washes at 30 ° in the washing machine and which preferably retains its color, the one for which I have chosen, after each washing.

It ‘a quality speech, ethics, but also very practical.

IMG_4055

Questa è la tavola  apparecchiata  per la festa di compleanno di mia sorella.

Quasi tutte  le tovaglie che possiedo sono fatte a mano, da me, o da mia madre, perché le tovaglie del mio corredo di nozze, erano quelle che lei aveva fatto per il suo corredo, che poi non ha mai usato. Le ha conservate per anni nell’armadio e poi le ha divise tra me e mia sorella (vi confido che io ne ho messa da parte una, particolarmente bella, con il bordo fatto all’uncinetto da mia nonna, per mia figlia).

Questa tovaglia che vedete qui sotto, color verde salvia, è una di queste, non è che mi piaccia tantissimo, ma, come dicevo sopra, fa parte del mio corredo e quindi la tengo e la uso perché sono terribilmente sentimentale .

Ma sono riuscita a  ravvivarla un po’, perché con la stoffa a fiori che è avanzata ho fatto un runner che si accorda perfettamente con il colore verde salvia.

This is the table set for the birthday party of my sister.

Almost all the tablecloths I own are  handmade, by me or by my mother because of my tablecloths wedding trousseau, they were those she had made for her trousseau, which then never used. She saved for years in the closet and then divided them between me and my sister (I am confident that I will have set aside a particularly beautiful, with the edge crocheted by my grandmother, for my daughter).

This tablecloth that you see below, sage green, is one of these, it is not that I like a lot, but, as I said above, is part of my outfit and then I keep it and use because they are terribly sentimental.

But I was able to revive it a bit ‘, because with cloth flowers that I made an advanced runner that fits perfectly with the sage green color.

IMG_4043  IMG_4041

Vi dicevo che  festeggiavamo il compleanno di mia sorella e queste sono due della torte che ho fatto per l’occasione.

I told you who celebrate the birthday of my sister and these are two of the cakes I made for the occasion.

IMG_4039 IMG_4038

La prima è una torta con la marmellata, la trovate su On the Clouds, blog che seguo perché ha ricette di dolci molto buoni, ma non troppo grassi, sia ben chiaro, non voglio fare la salutista a tutti i costi, ma prediligo i sapori un po’ grezzi, e non amo le creme e in generale che una torta sia  troppo dolce.

The first is a cake with jam, find it to On the Clouds, blogs that I follow because it has very good dessert recipes, but not too fat, mind you, I do not want the health-conscious at all costs, but I prefer the flavors a bit ‘rough, and I do not like creams and in general that a cake is too sweet.

IMG_4042

La seconda torta, è una torta con pere cioccolato e mascarpone, la trovate sul sito www.ricettedellanonna.net

The second cake is a cake with chocolate and mascarpone pear, found on the site www.ricettedellanonna.net.

Io non ho messo la grappa.

I do not put brandy.

IMG_4040

A presto

See you soon

Sabrina

Annunci